La Pecora Sclera

Barzellette e battute

Anche le pecore, nel loro pascolo, ridono rotolandosi nell'erba

L'archivio di barzellette de La Pecora Sclera

La Pecora Sclera ha reclutato diversi collaboratori per dare la caccia sul web alle migliori (ma anche alle peggiori) barzellette che l'Italia ci offre. Sono state catalogate più di 1000 barzellette e il numero è in continua crescita. Insomma, una risata o due su queste pagine ve la farete di sicuro.

Un tizio ha un problema: tutte le volte che si addormenta sogna uno gnomo che gli dice: "E fai pipì! E fai pipì!...". E allora lui Psssssss... si piscia sotto a letto.
Un giorno va dal dottore e gli dice: "Dottore, tutte le volte sogno uno gnomo che mi incita a pisciare, e io me la faccio sotto...". E il dottore: "E lei gli dica NO, con sicurezza!".
Quella notte, di nuovo lo gnomo: "E fai pipì!", e lui "NO!", e lo gnomo "E fai pipiiiì!", e lui "NOO!!", e lo gnomo "E fai la pipiiiii!!" e lui "NOOOOO!!!", e lo gnomo: "E allora vai a cagare!".

Leggi le barzellette a tema: a scuola
Un tale si affaccia ad una trattoria fiorentina e chiede: -Scusi, servite lumache qui?
E il cameriere premuroso: -Qui serviamo tutti, signore!

Leggi le barzellette a tema: al bar
Un barbone ruba un pollo per sfamarsi e va sulle rive del fiume a mangiarlo. Accende un fuocherello, tira il collo alla gallina e comincia a spennarla. All'improvviso arriva un vigile, il barbone butta subito il pollo nell'acqua, ma il vigile avendolo notato: - Cosa ha buttato nell'acqua? - Nell'acqua? Io? Niente, perché? - E allora cosa sono tutte queste penne? - Niente... c'era un pollo che si voleva fare un tuffo e m'ha detto se gli davo un'occhiata ai vestiti...

Leggi le barzellette a tema: animali
Alla stazione carabinieri di Acireale, arriva un fonogramma urgente dal comando provinciale di Catania che dice: "Pregasi codesto comando, riferire, urgentemente, stesso mezzo, riferendosi at sisma, avvenuto nella vostra zona, con quali danni a cose o persone et anche animali, e con quale grado scala Mercalli si è configurato tale sisma alt." Risposta: "Dalla stazione cc. Acireale, comandante maresciallo Caputo: il sig. Mercalli Michele è stato fermato da una nostra pattuglia nottetempo, con dentro la sua auto arnesi da scasso, tra i quali un piede di porco, un prosciutto e due mortaretti ed è in stato di fermo presso il nostro comando, per quanto riguarda la sua scala, si è rotta ma senza danni. Per ciò che riguarda il sig. Sisma Antonio siamo sulle sue traccie, è sparito dalla sua abitazione da una settimana ma la sua casa è sotto il controllo dell`appuntato Cavallo, il suo grado prima che andasse in pensione, era maggiore dei servizi segreti. Colgo l`occasione per avvertire il comando superiore che qui c`è stato un terremoto della madonna alt."

Leggi le barzellette a tema: carabinieri
Avevo scoperto che in America esisteva un bar al cui interno si trova uno specchio magico in grado di discernere se la persona che vi sta davanti dica la verità o meno. Se si dice la verità lo specchio per ricompensa si trasforma in un genio ed esaudisce un tuo desiderio; se si dice una bugia lo specchio fa sparire d'incanto la persona bugiarda. Sono stato in America con tre mie amiche alla ricerca di questo fantastico specchio e finalmente l'ho trovato. Le mie amiche hanno voluto provarlo. La prima, una bella rossa, si è messa davanti allo specchio e ha detto: "Penso di essere la donna più bella d'America" e "Puff!" è scomparsa. La seconda, una stupenda brunetta, allora si è messa davanti allo specchio e ha detto: "Penso di essere io la più bella d'America" e "Puff!" è scomparsa. Allora la mia terza amica, una favolosa biondina, si è messa davanti allo specchio e ha detto: "Penso..." e subito dopo: "Puff!"

Leggi le barzellette a tema: donne e uomini
Un uomo mascherato piomba in una Banca dello Sperma impugnando una grossa pistola: "Fermi tutti", e poi rivolto ad una infermiera: "Lei, apra la cassaforte". "Ma guardi che questa è una Banca dello Sperma; noi non abbiamo soldi". "Apra!". La giovane apre la cassaforte e il rapinatore sbraita: "Ora prendi una fiala e bevila !". "Ma è sperma...". "Bevi o sparo!". La ragazza ingoia il contenuto della fialetta. "Adesso prendine un'altra e bevi ancora !". Mentre la ragazza obbedisce il giovane si leva la maschera svelandosi come il fidanzato dell'attonita infermiera alla quale dice: "Visto? Non è poi così difficile come dici!"

Leggi le barzellette a tema: dottore, dottore!
Barbara Walters, famosa giornalista televisiva americana, ha condotto uno studio sui ruoli maschili e femminili a Kabul in Afghanistan, alcuni anni prima del conflitto afgano. E' risultato che le donne, per tradizione, camminano 5 passi dietro al marito. Recentemente è tornata a Kabul e ha osservato che le donne continuano a camminare dietro ai loro mariti. Il regime dei talebani ha fatto sì che camminino adesso ancora più distanziate dai loro uomini, ma quello che lascia perplessi è che le donne sembrano felici di mantenere la vecchia tradizione. La signora Walters ha allora avvicinato una delle donne afgane e le ha domandato: "Come mai sembrate felici di questa vecchia tradizione che una volta avete cercato con tanta determinazione di cambiare?" "Le mine", rispose l'interpellata senza esitazione.

Leggi le barzellette a tema: humor nero
La squadra che ha vinto il torneo di calcio dei matti va in trasferta all'estero per la finale. Sull'aereo, però, i matti sono piuttosto irrequieti: giocano, si buttano a destra e a sinistra, saltano. Ad un certo punto il pilota, che non ce la fa più a tenere l'aereo, chiama il responsabile della squadra e gli dice: "Senta, so che sono persone un pò particolari, ma io non so più come farli star tranquilli, non mi ascoltano. Potrebbe provare lei a convincerli a stare fermi, se no qui ci schiantiamo". "Non si preoccupi, ci penso io!" e se ne va. Dopo qualche minuto la situazione è decisamente migliorata, il pilota richiama il tizio: "Senta, devo proprio farle i complimenti, li ha proprio convinti a stare tranquilli... ma come ha fatto?". "Oh, beh è stato facile, ho detto: "Dai, ragazzi, che è una bella giornata, tutti fuori a fare l'allenamento!".

Leggi le barzellette a tema: in manicomio
Un indiano va all`ufficio del comune e dice all`impiegato: - Buongiorno. Io mi chiamo "Grande cavallo di ferro che sbuffa e corre su lunga strada ferrata distesa su immensa prateria" e sono qui perchè vorrei cambiare nome! - Bene, e come vorrebbe chiamarsi? - "Treno"!

Leggi le barzellette a tema: in ufficio
Bill Gates va da Divine Brown e le dice: « Divine, mi faresti lo stesso lavoretto che hai fatto a Hugh Grant? Sono pronto a pagare bene. » « Certo » dice Divine, lanciandosi voracemente su Bill. Pochi minuti dopo Bill è soddisfatto e dice alla sua partner: « Ora capisco perchè ti chiamano Divine: sei divina di nome e di fatto... » E Divine: « Anche io capisco finalmente perchè hai fondato una compagnia che si chiama Microsoft... »

Leggi le barzellette a tema: informatica
Ci sono due soldati tedeschi che, appena finita la guerra, stanno fuggendo. Così dopo essersi cambiati gli abiti, decidono di mimetizzarsi tra la gente come due comunissimi italiani. Ad un tratto, dopo aver camminato per molto tempo, decidono di entrare in un bar per bere qualcosa. Il primo tedesco fa al secondo: "Ascolta, visto che io sono più intelligente di te, lascia ordinare me perché con la tua solita stupidità ci farai scoprire". Si avvicinano al bancone e il tedesco fa rivolto all'oste: "Due martini!". E l'oste: "Dry?". E il tedesco: "Nein drei, zwei!".

Leggi le barzellette a tema: militari
La mattina di Natale a casa Rossi è riunita tutta la famiglia con tanti bambini.
Allora dice Babbo Natale: "chi di voi ha sempre ubbidito alla mamma?".
E i bimbi in coro: "il papà".

Leggi le barzellette a tema: natalizie
Se in questa classe c`è qualche idiota si alzi in piedi" fa la maestra con tono sarcastico alla classe. Dopo un lungo silenzio, Pierino si alza. "Bene, Pierino, dimmi perché tu ti consideri un idiota?" "Sinceramente non penso di esserlo" - dice - "ma non mi piaceva che lei rimanesse in piedi tutta sola."

Leggi le barzellette a tema: Pierino
Un tizio arriva con la macchina, piuttosto scassata, davanti a Montecitorio, e posteggia proprio in mezzo alla strada. Un vigile gli si avvicina e gli dice: "Ma cosa fa? Non si può parcheggiare qui!"
"Perchè?"
"Come perchè? Perchè qui ci passano Ministri, Deputati, Senatori, ..."
E il tizio: "E che mi frega? Tanto io ho l'antifurto!"

Leggi le barzellette a tema: politica
Due concertisti, uno milanese e l'altro napoletano, si incontrano nella sala da thé di un noto ristorante. Il milanese racconta: Questa è buona! Ieri sera ho tenuto un concerto alla Scala, appena ho finito di suonare l'ultima nota, c'è stata un'ovazione generale, lanci di fiori sul palco, applausi, standing ovation.......... Quello che mi ha fatto più piacere è che il sindaco Moratti è salito sul palco, mi ha stretto la mano e mi ha detto:"complimenti Lei ci ha commosso! Persino la Madonnina ha pianto!" Il napoletano risponde: "Anch'io ho tenuto un concerto ieri sera in Vaticano, appena ho finito di suonare l'ultima nota, solita ovazione, lancio di fiori, applausi, standing ovation.......... Ma quello che mi ha stupito è che si è aperta la porta infondo ed è entrato Gesù, è salito sul palco, mi ha stretto la mano e ha detto: "Complimenti! Tu si ca suone bbuono! No comme a chillu strunz 'e milanese cà fatt' chiagnere a mammà!"

Leggi le barzellette a tema: preti. suore e co.
Dopo una notte di fuoco l'uomo dice alla partner "Cara, se mi dicevi che eri vergine ci avrei messo più tempo" "Caro, se sapevo che c'era più tempo mi toglievo la calzamaglia."

Leggi le barzellette a tema: sporche e sporchissime
Un tipo molto sportivo si rivolge ad un amico di indole più tranquilla e dice: - Vuoi fare la maratona con me?
- Di che si tratta? - risponde l'altro. Allora il primo specifica: - Dobbiamo percorrere 42 km e 195 metri...
E l'amico tranquillo replica: - Va bene, ma guida tu perché io sono stanco!

Leggi le barzellette a tema: sport
"Non so cosa fare", esordisce il Diavolo, "Sei nel mio elenco ma non ho più posto per te. D'altro canto devi obbligatoriamente stare qui". Dopo averci pensato su, il Diavolo prosegue: "Sai cosa faccio? Ho due o tre persone che non sono state tanto cattive quanto te. Ne lascerò andare una e tu ne prenderai il posto. Anzi, ti lascio addirittura scegliere quale liberare". A Silvio la proposta sembra accettabile e così il Diavolo apre la prima porta. Lì dentro, in una grande piscina, nuota Craxi che si immerge ripetutamente tentando di portare in superficie un immenso e sfavillante tesoro, riemergendo però sempre desolatamente a mani vuote. E si immerge e riemerge, e ancora e ancora. Questo è il suo destino, all'inferno. "No" dice il Cavaliere "non ci siamo, non sono un gran nuotatore e poi a mani vuote non posso restare, non potrei fare questo per l'eternità" Il Diavolo lo conduce nella stanza successiva dove trovano Francesco Cossiga, che con un enorme piccone deve frantumare giganteschi massi di pietra durissima; e poi altri ed altri ancora. "No, sai che ho un problema alla spalla, mi farebbe male picconare in continuazione per l'eternità". Il Diavolo apre la terza porta. All'interno, l'ex presidente degli U.S.A. Bill Clinton, sdraiato sul pavimento, con le braccia dietro la nuca e le gambe larghe; china su di lui c'è Monica Lewinsky intenta nell'ormai famosa attività. Berlusconi osserva incredulo e dopo un pò dice: "Si, si può fare, vada per questo". "OK" dice il Diavolo "Monica, puoi andare"

Leggi le barzellette a tema: su Berlusconi
Una ragazza vede Totti con in braccio un bellissimo gatto. Gli chiede: "Che bel gatto! E' maschio o femmina?" E Totti: "Aho! E' maschio nun vedi che c'ha i baffi?"

Leggi le barzellette a tema: su Totti

313

Sull'autostrada, un autovelox registra una Ferrari con andatura pari a 19 km orari. Il poliziotto raggiunge il veicolo e gli fa segno di accostare. Bussa al finestrino del conducente per avere delle spiegazioni. Al volante c'è una bionda mozzafiato che risponde sorridendo: - "Io rispetto i limiti di velocità indicati sui cartelli stradali. C'è scritto A 19 e quindi io vado a 19 km orari!" Il poliziotto risponde con un sorriso: - "Ma signorina, A 19 è il numero dell'autostrada!! Non è il limite di velocità!" Poi aggiunge guardando la passeggera a destra della bionda: - "Mi sa che dovete sbrigarvi, perché la vostra amica sembra essere malata. E' talmente pallida..." La bionda risponde: - "E' così da quando abbiamo percorso la A 313!"

Leggi le barzellette a tema: varie
smile violinista

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.