La Pecora Sclera Ogni gregge ha il suo leader

Barzellette e battute: sport

Anche le pecore, nel loro pascolo, ridono rotolandosi nell'erba

Juve, Inter, Toro
Un tifoso della Juve, uno dell'Inter e uno del Toro sono su una spiaggia In Arabia Saudita a bersi una cassa di alcool di contrabbando, quando all'improvviso arriva la polizia e li arresta. Il solo possedere alcool in Arabia Saudita è un crimine grave quindi, per l'ancor più terribile crimine del consumo di alcool, vengono condannati a morte. Dopo molti mesi d'appello con l'aiuto di avvocati molto in gamba riescono a tramutare la sentenza di morte a prigione a vita.
Fortuna vuole che, il giorno della fine del processo, in Arabia Saudita era festa nazionale e lo Sceicco essendo di buon umore decide che questi possono essere liberati e puniti solo con 20 frustate a testa. Mentre si preparano per la punizione, lo sceicco dice: "Oggi è il compleanno della mia prima moglie e lei mi ha chiesto di esaudire un desiderio ad ognuno di voi prima di farvi frustare." Il tifoso della Juve (che aveva bevuto di meno) ci pensa un po' e dice: "Legatemi un cuscino sulla schiena!" Così vien fatto, ma il cuscino dura solo 10 frustate e le altre 10 gli lacerano la schiena. Lo juventino viene portato via sanguinante.
Poi tocca al tifoso dell Inter (che aveva bevuto abbastanza) che, vista la scena, dice: "Legatemi 2 cuscini sulla schiena!" Ma i due cuscini durano solo per 15 frustate, le altre 5 gli lacerano la schiena e anche lui viene portato via sanguinante e piagnucolante come una bambina.
E' il turno del tifoso del Toro (che aveva bevuto più di tutti) ma prima che questo potesse dire qualcosa, lo sceicco dice: "Tu sei un tifoso della squadra coi colori più belli del mondo. I tifosi del Toro sono i migliori e i più fedeli del mondo: per questa ragione ti concederò ben due desideri."
"Grazie, Sua Altezza! In ammirazione della Vostra clemenza come primo desiderio voglio che mi siano date 100 frustate invece di 20..."
"Non solo sei una persona d'onore, bello e simpatico, sei anche coraggioso!", esclama lo Sceicco con ammirazione. "Ora dimmi... qual è il tuo secondo desiderio?" "Legatemi lo Juventino sulla schiena"
Segnalata da: Guybrush Threepwood

Numeri sul campo
Un tifoso è allo stadio che si sta godendo una partita della propria squadra del cuore. Ad un certo punto della partita sente il tizio che era seduto accanto a lui mormorare: - Sessantacinque mila spettatori, ventidue giocatori, un arbitro e due guardalinee...
Lo guarda incuriosito senza pronunciare parola. Subito dopo il tizio esclama ancora: - Sessantacinque mila spettatori, ventidue giocatori, un arbitro e due guardalinee...
Dopo poco ancora: - Sessantacinque mila spettatori, ventidue giocatori, un arbitro e due guardalinee...
Allora incuriosito gli fa: - Mi scusi, ma cosa sta dicendo? - Dico... con sessantacinque mila spettatori, ventidue giocatori, un arbitro e due guardalinee... 'sto stronzo di piccione proprio in testa a me doveva cagare?

Tuffi spaccati
Un tale va a vedere una gara di tuffi. Si tuffa il primo e tutti lo applaudono; si tuffa il secondo ed esce dalla piscina tutto malridotto. Il giudice decide allora di rinviare la gara al mese dopo. Il mese successivo il primo si tuffa e tutti lo applaudono; si tuffa il secondo ed esce un'altra volta tutto malridotto; allora il giudice decide di svuotare la piscina per vedere cosa c'è sul fondale. Tira su un orologio e legge un bigliettino con scritto: - Sector Expander... l'orologio che spacca il SECONDO!

Partita di calcio
Partita di calcio nella foresta: Elefanti contro Insetti. Al fischio di partenza gli Elefanti partono all'attacco e in breve il punteggio e' di 3-0. Gli Elefanti continuano il pressing e alla fine del primo tempo siamo a 9-0.
Negli spogliatoi l'allenatore cerca di rincuorare i suoi Insetti e prima di ritornare in campo annuncia di aver provveduto ad un cambio: la sostituzione della lucciola con il centravanti millepiedi. Il secondo tempo vede la rapida risalita degli Insetti grazie proprio all'abilita' del millepiedi e la partita finisce con il punteggio di 9-10 con vittoria finale degli Insetti.
L'allenatore degli Elefanti, anche se a malincuore, va a congratularsi con l'allenatore della squadra avversaria: "Congratulazioni, siete i migliori, grazie soprattutto alla vostra punta che avete inserito in squadra nel secondo tempo. Ma come mai un giocatore cosi' eccezionale non lo mettete in campo gia' nel primo tempo?". E l'allenatore degli Insetti: "E' impossibile! Prima che si allacci le scarpe... ".

Ultimo allenamento
La squadra che ha vinto il torneo di calcio dei matti va in trasferta all'estero per la finale. Sull'aereo, pero', i matti sono piuttosto irrequieti: giocano, si buttano a destra e a sinistra, saltano. Ad un certo punto il pilota, che non ce la fa piu' a tenere l'aereo, chiama il responsabile della squadra e gli dice: "Senta, so che sono persone un po' particolari, ma io non so piu' come farli star tranquilli, non mi ascoltano. Potrebbe provare lei a convincerli a stare fermi, se no qui ci schiantiamo".
"Non si preoccupi, ci penso io!" e se ne va. Dopo qualche minuto la situazione e' decisamente migliorata, il pilota richiama il tizio: "Senta, devo proprio farle i complimenti, li ha proprio convinti a stare tranquilli... ma come ha fatto?". "Oh, beh e' stato facile, ho detto: "Dai, ragazzi, che e' una bella giornata, tutti fuori a fare l'allenamento!".

Nuovo gioco
Tre messicani stanno facendo la siesta. Il primo, per rompere la monotonia: "Amigos, conosco un nuevo giocos. Occorrono una mazzas, le palles e un bucos. Io metto la mazzas!". Il secondo: "Io metto le palles!". Il terzo: "Io non giocos!!".

Sport a scale
Gli operai e gli impiegati quando si incontrano parlano di calcio. La classe media quando si incontra parla di tennis. I dirigenti quando si incontrano parlano di golf. Conclusioni: piu' stai in alto nella scala sociale e piu' sono piccole le tue palle.

Lezione di golf
Un tizio sta tentando di insegnare a sua moglie a giocare a Golf, ma non avendo molto successo decide di farle prendere delle lezioni private. La moglie si presenta per la prima lezione e l'istruttore le chiede di fargli vedere alcuni tiri. Questa ci prova e riprova ma non riesce a mandare la pallina piu' in la di qualche metro. L'istruttore ci pensa un po' e poi le dice: "Credo di aver capito. Il suo problema e' come tiene la mazza.... e' un po' troppo rigida nell'impugnatura. Se mi permette vorrei darle un consiglio: provi a tenere la mazza come farebbe con... ehm.... il pene eretto di suo marito!".
La signora si posiziona, ancheggia un po' e tira. PERFETTO ! Tiro lungo, arco perfetto, la pallina si ferma nel mezzo del green a meno di un metro dalla buca. "Signora, mi complimento, stiamo andando molto meglio. Se pero' ora volesse togliersi la mazza dalla bocca e riprovare con le mani !?!"

A essere ubriachi...
Un vecchio ubriacone e' sulla via del ritorno verso casa, alle 6:30 di mattina. Nella piazza dei giovani appassionati di sport fanno ginnastica, corrono, eseguono esercizi. L'ubriaco si avvicina ad un giovane che vigorosamente fa flessioni e gli dice: "Ehi, cogliiionee... che casso stai faasciendo...!! maa non ti sei acc..accorto che la tua ragassaa se ne e' andata da laa' soottoo...??"
Segnalata da: Piskuigirl

Un suicidio
Profondo sud... Sicilia... alle falde dell`Etna. In un casolare sperduto, riunione tra un boss mafioso ed i suoi tre picciotti: - Picciotti: stasera dovete fare fuori Calogero Zizza. Ma mi raccomando... deve sembrare un suicidio!!!
Il più sveglio dei tre: - Non ti preoccupare capo... lo impicchiamo con la sciarpa dell`Inter!
Segnalata da: mauro

Barriera
Ci sono un portoghese, un argentino, un colombiano e un francese: potrebbe sembrare l'inizio di una delle solite barzellette invece è ancora meglio: è la barriera dell'Inter che ha preso gol da un ceco!.
Segnalata da: Guybrush Threepwood

Giocatore o arbitro?
Un bambino entra in un negozio di articoli sportivi e rivolgendosi al commesso dice: - Vorrei una maglia della Juventus...
E il commesso: - La vuoi da giocatore o da arbitro?
Segnalata da: Guybrush Threepwood

Toro e Juve
In una scuola di Torino, una maestra tifosa juventina, intimorisce i suoi alunni: – TU!!! Per che squadra tieni? E il bambino impaurito: – Per la juve, signora maestra!
La maestra indicando un altro bambino: – TU! Per che squadra tieni? – Per la juve, signora maestra!
Poi indicando un altro bambino ancora: – TU!!! Per che squadra tieni? – Per la juve, signora maestra!
La maestra indicando un bambino seminascosto in fondo alla classe: – TU! Per che squadra tieni? - Per… per il Torino, signora maestra! – Per il Torino??? Com’è possibile una sciocchezza simile? Dammi una ragione valida! - Beh… Mio papà tiene per il Torino, mia mamma tiene per il Torino, mio fratello tiene per il Torino… Tengo per il Torino anch’io. – E ti sembra una una motivazione valida? E se tua mamma era una mignotta, tuo papà un barbone e tuo fratello un drogato che facevi? - Ero juventino, signora maestra…
Segnalata da: dip-gip-nip

Non si apre il paracadute
Salvatore sale per la prima volta sull'aereo che lo condurra' al primo lancio. L'istruttore gli spiega: "Quando ti lanci tira la cordicella di sinistra. Se non si dovesse aprire il paracadute tira la cordicella di emergenza, che si trova piu' a destra. Dopodiche' una volta giunto a terra troverai la jeep che ti ricondurra' al campo di addestramento".
Salvatore allora, giunto sul punto di lancio, si getta e lesto tira la cordicella di sinistra. Niente, il paracadute non si apre. Tira la seconda cordicella, e niente, ancora chiuso. Allora tra se' e se' dice: "Cazzo, vuoi vedere che quando arrivo a terra non trovo neanche la jeep?"
Segnalata da: Antonio

Rosa pallido
Adamo è nel paradiso terrestre, però sente che gli manca qualche cosa alla quale non riesce a dare un nome. Gli viene in mente un colore rosa pallido. Dio se ne accorge e crea la donna, però Adamo voleva solo... la Gazzetta dello Sport.
Segnalata da: ce ne sono tante

Akai a nama
L`amministratore delegato di un`azienda italiana compie un viaggio d`affari in Giappone per incontrare i suoi colleghi giapponesi e stipulare con loro un contratto per la creazione di una filiale nel loro paese. Il direttore dell`azienda giapponese fissa un incontro, molto riservato, tra l`italiano e una delle geishe più belle della città. Dopo la tradizionale cerimonia del tè, i due restano soli e mentre stanno facendo l`amore, sul più bello, la geisha inizia a gridare: "Akai a nama! Akai a nama!".
L`italiano interpreta le grida per manifestazioni di piacere, ed è molto orgoglioso per l`eccitazione che ha procurato alla donna. Il giorno successivo, l`amministratore delegato italiano è invitato ad una partita a golf nel club più esclusivo della città. Quando tocca a lui tirare, l`uomo effettua un tiro eccezzionale e manda la pallina direttamente in buca. Al colmo della felicità, grida le uniche parole giapponesi che ha imparato: "Akai a nama! Akai a nama!". Ed un collega giapponese gli domanda: "Scusa, ma pelchè tu dile: "Buco sbagliato, buco sbagliato?!"
Segnalata da: Colamon

Einstein e il calcio
Einstein si ritrova ad un cocktail e un tizio gli va a parlare. Einstein gli chiede: - Qual è il tuo Q.I.? - 200! - gli risponde il tizio. Allora, Einstein gli parla della relatività, dei massimi sistemi...
Un po' più tardi, un'altra persona gli va a parlare. Einstein chiede: - Qual è il tuo Q.I.? - 150! - gli risponde quello. Allora, Einstein gli parla di diritto internazionale, dei problemi etici dovuti alle manipolazioni genetiche...
Un po' piu tardi, una terza persona gli va a parlare. Einstein gli chiede: - Qual è il tuo Q.I.? - 100! Allora, Einstein gli parla del governo, del tasso d'interesse dei conti correnti, del prezzo della benzina...
Un po' piu tardi, un'altra persona lo va a trovare. Einstein gli chiede: - Qual è il tuo Q.I.? - 50! - gli risponde. Allora, Einstein gli parla di "San Remo", del "Grande Fratello", di "C'è posta per te!"...
Alla fine della serata, un'ultima persona si avvicina. Einstein gli chiede: - Qual è il tuo Q.I.? - 10! - risponde quest'ultimo. Allora Einstein gli chiede: - Insomma... questa Inter come va?
Segnalata da: Kalib Amahr

A poker in quattro
Tre bianchi e un nero giocano a poker. Prima mano ... Doppia - passo - tris - sgala. Seconda mano ... Passo - tris - scala - boker. Terza mano ... Tris - scala - poker - sgala reale. Al che un giocatore si rivolge al nero e tutto incavolato gli strilla: "Bari!" e il nero piu' calmo che mai: "No, dispbari, hai berso di nuovo!"
Segnalata da: Piskuigirl

Campione di sputi
Napoli, piazza Garibaldi. Il classico Napoletano, con occhiali da sole e sigaretta in bocca, e' seduto al tavolino di un bar e osserva la gente. Da un autobus scende un tipo bizzarro: un nero con walkman alle orecchie e andatura da molleggiato. Si avvicina al Napoletano seduto, lo guarda davanti, poi di lato e poi... gli sputa! Pero' lo fa in modo che lo sputo non lo colpisca, ma gli passa esattamente tra la stanghetta dell'occhiale e la tempia. Quindi il nero si presenta dicendo: "Jack Milt, campione di sputo".
Il Napoletano, sbigottito, e' senza parole e non puo' far altro che guardarlo andarsene via. La scena si ripete per giorni e giorni finche' un giorno il Napoletano pensa: "Se ci riprova gli faccio io un servizietto". Il nero si avvicina ed esegue ancora il numero dello sputo con estrema maestria. "Jack Milt, campione di sputo".
Al che il Napoletano si alza in piedi e pianta una scatarrata galattica in faccia al nero e poi si presenta: "Gennaro Esposito, principiante"
Segnalata da: Piskuigirl

Dino Zoff
Brucia un albergo dove una signora con il suo piccolo di pochi mesi sta passando le vacanze. Unica via di scampo e' la finestra, ma e' al 10° piano. Fra la folla accorsa di sotto c'e' Dino Zoff, famoso portiere della nazionale. Tutti urlano: "Signora, lanci il bambino! C'e' Dino Zoff che lo prendera' al volo". Quando ormai le fiamme incalzano la signora, dapprima titubante, si decide a lanciare il bambino. Bravissimo Dino Zoff con un tuffo eccezionale lo prende ... poi lo fa palleggiare due volte a terra e lo rinvia al centro del campo!".

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.